La pulizia delle camere

Su richiesta di autistaxcaso postiamo alcune osservazioni sulle donne delle pulizie che riassettano la camera quando gli ospiti sono ancora presenti.

Idealmente le donne delle pulizie (cameriere ai piani) dovrebbero riassettare le stanze quando gli ospiti alloggiati sono usciti dalla stanza stessa. Il lavoro dovrebbe svolgersi così per ovvie ragioni: 1) non infastidire il cliente; 2) dare alla donna delle pulizie la massima manovrabilità per pulire come si deve. Nella pratica però può capitare che la pulizia debba essere svolta mentre il cliente é ancora nella stanza. Si tratta di eccezioni alla regola ma che, soprattutto in determinate situazioni, possono capitare con una certa frequenza.

Per spiegar ciò é necessario chiarire qualcosa sul lavoro di pulizia nelle camere: chi lavora in albergo può solo supporre a grandi linee l'ora in cui il cliente lascerà la camera e l'ora in cui rientrerà, non sapendo se il cliente s'alzerà presto o tardi; se rientrerà a notte fonda o prima di mezzogiorno; se dopo esser sceso a colazione risalirà a lavarsi i denti o andrà direttamente in spiaggia. Certe camere possono essere pulite in un battibaleno mentre altre risultano decisamente MOOOOLTO più impegnative. In sostanza passiamo da un minimo di 15 minuti a camera ad un massimo di 1 ora per i casi più gravi.

A seconda dell'organizzazione dell'albergo può variare anche il rapporto camere/personale (nell'albergo X ogni cameriera deve pulire 15 camere mentre nell'albergo Y 20), l'orario di lavoro ed il tipo di mansioni: in un albergo piccolo probabilmente chi pulisce le camere dovrà occuparsi anche della pulizia di altri ambienti e della lavanderia mentre in alberghi più grandi queste mansioni vengono assegnate a più dipendenti.

A grandi linee si può comunque dire che in alberghi prettamente turistici le camere vengono pulite tra le 8-9 del mattino e le 14-15 del pomeriggio circa.

Ora, facciamo l'esempio di un albergo di 30 camere con 3 donne delle pulizie con turni di 5 ore ma, nell'alternare il proprio giorno di riposo, Lunedì, Martedì e Giovedì, a lavorare sono in 2.
In sostanza: nei giorni in cui lavorano in tre possono avere una media di 20-25 minuti a camera per poter poi fare anche le pulizie dei corridoi, delle aree comuni e la biancheria, mentre nelle giornate in cui sono in 2 hanno vi sono due possibilità: mantenere la stessa media nelle camere dedicando meno tempo alle pulizie nelle aree comuni ed alla biancheria o accelerare il ritmo nelle camere tenendo una media di 15 minuti a camera ma riuscendo poi a pulire le sale comuni e la biancheria.

"Orario di lavoro" e "Quantità di lavoro" sono noti (a meno che aprendo la porta di una camera non si veda una sorta di "discarica abusiva improvvisata") mentre il "lasso di tempo in cui l'ospite non sarà in camera" é una variabile che cambia a seconda della stagione, del tipo di clientela e del singolo cliente.

Torniamo all'esempio di prima: se l'albergo fosse pieno in una delle tre giornate in cui vi son solo due cameriere ai piani, queste avrebbero molto più da fare del solito e se gran parte degli ospiti stentasse a liberare la camera, il tempo da dedicare alle pulizie calerebbe man mano che passa il tempo (ad una data ora le donne finiscono il turno e vogliono giustamente tornare a casa). Se poi l'albergo avesse alloggiato una comitiva di anziani che passano 3/4 della giornata in camera ed il quarto che resta al bar dell'Hotel diventa impossibile pulire tutte le camere senza recar disturbo a qualcuno che é ancora in stanza.

Nel dettaglio una giornata di lavoro funziona così: nelle prime ore del mattino vengono fatte alcune pulizie generali nei corridoi e nelle aree comuni e poi si sale ai piani. L'albergatore, fornisce alcune dritte per agevolare il lavoro del tipo "quelli della camera X sono rientrati all'alba e probabilmente libereranno la camera molto tardi mentre quelli della camera Y sono già usciti e non rientreranno prima di stasera. Innanzitutto si puliscono le camere che si sa con certezza essere libere i cui occupanti rientreranno tardi. Ad un tratto esce il cliente della 103! E'quello che dopo colazione torna in stanza e ci resta fino a pomeriggio inoltrato: molliamo la camera che stiamo pulendo e facciamo la sua di volata! E così via, si procede man mano a pulire camera dopo camera. Finita la pulizia delle stanze restano altre pulizie nelle aree comuni ed il lavoro di lavanderia.


E, dopo tante righe, giungiamo al dunque:

Quello della 306 ha messo il cartellino "non disturbare" per due giorni di fila e non esce mai dalla camera. Oggi, che lo voglia o meno, le donne entraranno in camera giusto per svuotare l'immondizia, cambiargli le lenzuola ed assicurarsi che in camera non abbiano fumato o fatto altri danni.

La lavanderia é in ritardo ed ha consegnato la biancheria pulita solo stamattina alle 10. Le donne delle pulizie, che fino a quell'ora rimaste sedute a giocare a carte in attesa delle lenzuola pulite, ora faranno le corse anche perché se perdono il pullman delle 13 che le riporta a casa dovranno tornarci a piedi!

Sono le 11,00. Le donne sono al lavoro dalle 8. Metà dei clienti sono ancora in camera. Le camere libere sono tutte pulite così come tutte le aree comuni. Che fare: aspettare fino a mezzogiorno quando le altre camere verranno liberate e pulirle tutte in 60 minuti (4 minuti a camera) o chiedere a qualche ospite se possono pulirgli la stanza anche se sono ancora dentro?

Sono solo un paio di esempi, ma se ne potrebbero snocciolare a decine!

La soluzione ideale sarebbe ovviamente assumere più donne delle pulizie sapendo già che in questo modo solo metà del loro tempo sarà dedicato al lavoro mentre l'altra metà sarà dedicato a non far nulla in attesa che i clienti escano dalle camere ma ciò porterebbe ad un aumento eccessivo del costo della camera che solo strutture di classe elevata (e clienti danarosi) possono permettersi.



15 commenti:

  1. Dico che siete un pozzo di pazienza e buona volontà, e che siete davvero bravi nel far coincidere tutto a puntino! Tanti vostri clienti dovrebbero leggere a fondo blog come questo, prima di avanzare pretese assurde...

    RispondiElimina
  2. Ho dovuto passare i 2 giorni di Pasqua fuori casa (non per svago) e quindi andare in albergo, pur stando fuori tutto il giorno e ritornando solo per dormire e fare colazione, appena incontrata la donna delle pulizie le ho detto di non stare a preoccuparsi di rifare la mia stanza E ho avvertito anche la receptionist, per evitare a chiunque qualsivoglia problema. Sarò esagerata ma se non sporco, mi tiro su da sola le lenzuola e riesco benissimo a sopravvivere con gli stessi asciugamani 2 giorni di seguito, perchè farle fare la stanza?

    ImpiegataSclerata

    RispondiElimina
  3. @ Nyago: grazie per i complimenti ma non vogliamo certo lodarci troppo: di errori e sviste ce ne capitano eccome!

    RispondiElimina
  4. @ImpiegataSclerata: Se il cliente dice di non riassettare la stanza lo si accontenta ma entro certi limiti: dopo tot giorni bisogna comunque controllare che in camera sia tutto a posto (uno potrebbe anche chiedere di non pulirla per tutta la durata del soggiorno ma se poi si scoprisse che in camera ha combinato un macello e magari rotto qualcosa?).

    Non mancano poi i furbetti che ti chiedono di non pulirla per poi lamentarsi alla partenza del fatto che la camera era polverosa! Vi é anche chi si rifà il letto da solo per poi chiedere sconti "perché ha risparmiato il lavoro alle donne delle pulizie".

    In questi casi si tenta di fare una pulizia essenziale (svuotare l'immondizia, pulire giusto le macchie ecc), giusto per controllare lo stato della camera e fornire il servizio dovuto ma venendo incontro alle richieste del cliente.

    Poi si giudica di caso in caso...

    RispondiElimina
  5. Avendo frequentato solo alberghi di località di mare non immaginavo ci fosse tutto questo casino. :-O
    Urge inventare le camere autopulenti :-(

    RispondiElimina
  6. Gli esempi riportati potrebbero benissimo riferirsi ad alberghi di localitá marine.

    Facendo quotidianamente questo lavoro ció che puó sembrarti un casino viene in realtà gestito con una certa "scioltezza" (le virgolette peró sono d'obbligo).

    Per capire il lavoro delle donne ai piani basta un minimo d'immedesimazione: supporre di avere in casa 15 ospiti divisi in 7 camere con altrettanti gabinetti (vabbé, supponiamo di vivere in una villa), che noi stessi dobbiamo riassettare, ma uno degli ospiti s'alza alle 7, rientra in stanza alle 8 per uscirne alle 14, l'altro si alza alle 9 ma esce dalla camera a mezzogiorno, tre stanze si alzan alle 9 e vi rientrano solo a sera, uno fa avanti-indietro più volte e gli altri escono alle 8. Sareste "in ballo" dalle 8 alle 12 per un lavoro che si potrebbe fare in 2 ore e mezza - tre ore! E il giorno successivo, con gli stess ospiti, gli orari cambiano ancora!

    Donne delle puliie Sante subito!

    @lufo88 - inizia pure a progettare la camera autopulente che te la prenotiamo subito ; P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao sono una cameriera ai piani disperata più che mai magari avessi a disposizione 20 min x camera... siamo in 2 cam..con 36 camere e fin qui ok.ma quando una è dì riposo..come ieri x esempio ho fatto,29 camere da sola dalle 8 ale 16 un' ora sola di straordinario e avevo anche 1 quadrupla.e tripla con solo una pausa di 30 min...cedetemi stavo male.. Non credo di gi farmi trattare cosi ancora x molto..ciao scusate lo sfogo

      Elimina
    2. ImpiegataSclerata18 dicembre 2012 12:34

      Ma quali scuse per lo sfogo? Hai perfettamente ragione sia a sfogarti che a lamentarti. Accidenti che mazzo tanto ti è toccato farti.
      Forza e coraggio. Spero che entro breve trovi di meglio.

      Elimina
  7. Beh, grazie per i chiarimenti molto esaustivi ...
    Mi pare che in quel caso, ora sulla bocca di tutti che mi ha scatenato la curiosità, la camera veniva rifatta all'1 di notte ...
    (ma magari tra un po' ci diranno che era l'1 di notte in Francia, corrispondente alle 19 della east coast ;-))))))

    RispondiElimina
  8. Senza voler difendere nessuno, non é però così improbabile che in alberghi di elevatissimo livello (dove gli ospiti fanno le richieste più assurde) vi siano donne delle pulizie 24 ore su 24.

    RispondiElimina
  9. Boh ...
    alcuni 5 stelle mi è capitato di frequentarli (viaggio di nozze ... perchè erano superscontati in giorni feriali insignificante) ma non ho mai notato il carrellino nei corridoi fuori dai consueti orari.
    Se capita di tornare magari mi informo ;-)))

    RispondiElimina
  10. Nei 5 stelle italiani é alquanto difficile. Intendevamo alloggi americani!

    RispondiElimina
  11. Salve in certe strutture ricettive e difficile pianificare il lavoro delle cameriere ai piani ma i sono degli orari come per le colazioni inizi e fine del tipo dalle 6.45 alle 09.45 servizio di colazione e questi orari ci sono anche per le pulizie ad esempio le camere vanno sgombrate alle ore 10.00 anche perche i clienti successivi per legge possono pretendere la camera dalle 12.30 e questi orari vengono dati per dare alle cameriere il tempo di ripulire! Poi le camere ferme comunque se si pretende di averle pulite l'orario e entro le 11.30 se il cliente nn esce e rimane in camera fino alle 16 non può pretendere che le si venga rifatta la camera e solo nel 5 stelle ce la cameriera a turni e quindi anche la notte! In Italia poi oltre lo sfruttamento delle cameriere ai piani ce una mal'informazione riguardanti i diritti/doveri del personale delle strutture alberghiere!

    RispondiElimina
  12. Sono anche io una cameriera ai piani , noi in pochi2 pretendono 10 mt a fermata e 20 a partenza che sia doppia , sudicia o meno il resto non ci viene pagato

    RispondiElimina